Come risparmiare energia tra le mura domestiche

Come risparmiare energia tra le mura domestiche

Cambiare le nostre abitudini casalinghe è il primo passo per promuovere una maggior efficienza energetica. In occasione della Giornata Internazionale del Risparmio Energetico, alcuni trucchi e consigli utili per risparmiare energia (e denaro) tra le mura domestiche, giovando anche al Pianeta.

 

Il 18 febbraio si celebra la Giornata Internazionale del Risparmio Energetico, nata per promuovere le tecniche atte alla riduzione dei consumi dell’energia necessaria allo svolgimento delle attività umane. Il rispetto dell’ambiente e la sua tutela sono temi sempre più caldi al giorno d’oggi. La tendenza, soprattutto negli ultimi anni, è quella di trovare soluzioni green innovative, attraverso la scelta di materiali ecosostenibili e sistemi che garantiscano energia di tipo rinnovabile.

La tutela dell’ambiente non può che partire dall’uomo, l’unico in grado di fare la differenza.

 

Consumi energetici: le abitudini degli italiani

Gli italiani si dichiarano attenti quando si tratta dei consumi energetici: è il quadro che emerge dal Rapporto di Coop secondo cui, in media, 4 persone su 10 sono convinte che limitare i consumi domestici di acqua, luce e gas sia uno dei modi migliori per preservare l’ambiente.

I consumatori, dunque, sono sempre più inclini a prediligere attitudini che generano un minore impatto sul pianeta, soprattutto quando queste non comportano un grande sforzo. Secondo l’indagine di Altroconsumo, che ha fotografato le principali abitudini adottate nella quotidianità, 7 italiani su 10 spengono sempre le luci uscendo da una stanza; il 68% evita di mettere cibo caldo in frigo o in freezer, e il 52% dichiara di non superare i 21° di temperatura della casa in inverno.

Per quanto riguarda le scelte d’acquisto, invece, il 76% degli intervistati da Altroconsumo riconosce il grande contributo degli elettrodomestici green e il 36% si dice pronto ad acquistare questi prodotti solo a parità di spesa e performance con dispositivi di classe minore. La disponibilità delle persone, dunque, sembra dipendere dal tipo di investimento economico richiesto. Infatti, la presenza di dispositivi tecnologici che favoriscono il risparmio energetico nelle case degli italiani si abbassa di fronte alla complessità di tali sistemi: il 74% utilizza lampadine a basso consumo, quasi 1 italiano su 2 ha istallato finestre ad alta efficienza, mentre solo il 10% i pannelli solari.

 

Come risparmiare energia elettrica e gas in casa?

Se da un lato le aziende propongono sempre più prodotti innovativi ed efficienti in termini di consumo energetico, dall’altro l’utilizzo di tali dispositivi continua ad aumentare e, se non utilizzati in maniera corretta, a crescere sono anche i costi delle bollette.

Ancora oggi siamo in troppi a dare l’energia elettrica per scontata. La Giornata Internazionale del Risparmio Energetico nasce proprio con questo obiettivo, quello di essere un punto di partenza per migliorare le nostre piccole abitudini.

Ecco 3 consigli a costo zero per tagliare i consumi di luce e gas a partire da oggi.

 

Usare gli apparecchi elettronici in maniera efficiente

Il 75% del consumo di elettricità è dovuto dai carichi fantasma: in altre parole, un dispositivo consuma energia elettrica anche quando rimane collegato in stand-by alla rete. Calcolando che, in media, la maggior parte delle famiglie possiede più di una dozzina di dispositivi elettronici, scollegarli tutti potrebbe risultare laborioso. Un trucco può essere quello di raggruppare i dispositivi con una presa multipla in modo da disattivarli collettivamente. Lo spegnimento di tutte le prese costerà solo un paio di secondi al giorno ma farà risparmiare parecchia energia all’anno sulla bolletta della luce!

Prediligere l’illuminazione naturale

Grazie all’illuminotecnica, la scienza che progetta l’utilizzo della luce naturale in casa, è possibile massimizzare l’uso della luce negli interni, sfruttando al meglio finestre e lucernari per garantire un buon grado d’illuminazione nelle ore diurne. E quando arriva sera? Spegnere le luci non è l’unica soluzione per diminuire i costi delle bollette. Una delle alternative più semplici da mettere in atto, e dall’investimento contenuto, è senza dubbio quella di sostituire le lampadine tradizionali con le nuove tipologie a risparmio energetico (come i dispositivi LED), che consentono di abbassare fino al 90% gli sprechi d’energia.


Regolare la temperatura degli ambienti interni

Riducendo la temperatura interna anche solo di 1°C è possibile ridurre i consumi di elettricità dal 5 al 10%! È buona norma limitare le temperature in casa a 20°C nella zona giorno e a 16-18°C nella zona notte, mantenendo in estate una temperatura di 5°C in meno rispetto alla temperatura esterna. Riducendo gli spifferi, poi, il calore non verrà disperso e a migliorare sarà anche la coibentazione interna dell’abitazione: basterà del materiale isolante per impedire il passaggio dell’aria dalle finestre. Il ricambio dell’aria nei locali è certamente necessario ma meglio spalancare per un breve periodo le finestre che lasciarle a lungo socchiuse.

 

A volte basta davvero poco per soppiantare le vecchie abitudini con comportamenti green e virtuosi. I metodi per risparmiare energia elettrica e gas tra le mura domestiche esistono e sono semplici. Il cambiamento deve partire da noi!

 

ULTIMI ARTICOLI

ULTIMI ARTICOLI

Calo della natalità: perché è sempre più difficile fare figli?

In Italia fare figli è sempre più complicato e la pandemia non ha fatto altro che accentuare il calo dei…

Gli italiani e la lettura: dati e consigli per leggere di più (e meglio)

Quanto leggono gli italiani e quali letture prediligono In occasione della Giornata Nazionale per la Promozione…