MIA, Miss in Action: ecco le 4 startup vincitrici

MIA, Miss in Action: ecco le 4 startup vincitrici

Le vincitrici intraprenderanno un percorso di coaching e mentorship di tre mesi che le accompagnerà nella loro crescita e le aiuterà a perfezionare il loro business model.

 

Si è conclusa la terza edizione di MIA – Miss in Action, il programma di accelerazione dedicato alle donne e promosso da Digital Magics e Gruppo BNP Paribas. Anche quest’anno l’obiettivo è stato quello di supportare l’avvio e lo sviluppo dell’imprenditoria femminile.

La Call for Innovation è stata lanciata lo scorso 29 marzo e ha raccolto un totale di 90 candidature. Una commissione composta da Manager di Digital Magics, del Gruppo BNP Paribas in Italia e di CRIF con una Giuria di Esperte ha poi selezionato le quattro startup vincitrici durante la giornata di premiazione finale, che si è svolta lo scorso 21 maggio.

 

Chi sono le 4 startup vincitrici della terza edizione di MIA

180 startup registrate, 90 progetti valutati e 12 finaliste, ma le quattro startup vincitrici di cui le fondatrici intraprenderanno un percorso di coaching e mentorship di tre mesi sono:

  • BLOWDEVICE: la società produce e commercializza la tecnologia BlowDevice®, si tratta di un’innovazione unica al mondo che consente e controlla lo scambio gassoso del packaging dei prodotti ortofrutticoli, superando gli attuali limiti di permeabilità ai gas dei materiali per il confezionamento. Il dispositivo è stato brevettato a livello europeo e riconosciuto come “key innovation” dalla commissione UE: aumenta la vita post-raccolta e riduce le perdite per deterioramento, inoltre, contribuisce a migliorare la sostenibilità ambientale ed economica della produzione ortofrutticola e crea le condizioni per realizzare nuove opportunità di mercato.
  • GENUINO.ZEROsi tratta di un modello distributivo per i prodotti locali di filiera corta, grazie alla tecnologia e all’integrazione tra web e digital, l’obiettivo è quello di accorciare le distanze tra campagne e città rendendo i prodotti alimentari locali e artigianali facilmente accessibili ai consumatori urbani. La piattaforma consente un’esperienza di acquisto semplice, rapida e intuitiva e la spesa di filiera genuina arriva direttamente a casa.
  • SMACE (Smart Work in Smart Place): il servizio favorisce il ritrovamento dell’equilibrio tra vita e lavoro consentendo alle aziende e ai lavoratori in smart working di soggiornare e lavorare nelle più belle località d’Italia. Sono state selezionate le migliori strutture ricettive per garantire al meglio lo svolgimento dell’attività lavorativa da remoto trovandosi in un luogo piacevole.
  • THESIS 4U: la startup propone la tesi di laurea come un driver di inserimento in azienda, l’obiettivo è permettere alle imprese di scoprire i giovani talenti mettendoli alla prova con un progetto di tesi e offrendo loro la possibilità di scrivere proprio del lavoro nell’azienda selezionata.

 

Durante il percorso di coaching e mentorship le vincitrici potranno perfezionare il loro modello di business partendo da un’idea early stage a un progetto di go to market.

Le altre otto startup finaliste sono: Andronica, APPCYCLED, BBrand.Etnobiz, Fler, FOOTBOOKING.CLUB, TA-DAAN, WHATaECO e YOISHO RENT.

 

ULTIMI ARTICOLI

ULTIMI ARTICOLI

Le soluzioni per rendere Internet più veloce

Da quando si è diffuso il lavoro in smart working, risulta fondamentale dotarsi una rete internet che…

Dietro l’algoritmo di Instagram: chi decide cosa farci vedere?

Il CEO di Instagram Adam Mosseri ha recentemente spiegato quali sono i principali fattori che influenzano quali…