Halloween: le tradizioni in Italia e nel mondo

Halloween: le tradizioni in Italia e nel mondo

La notte più spaventosa dell’anno è alle porte: è giunto quindi il momento di scoprire le tradizioni per Halloween in Italia e nel mondo.

 

Halloween è una celebrazione ritenuta da molti di origine anglosassone, il cui nome deriva probabilmente dalla frase “All Hallows Eve”, cioè la notte di Ognissanti, festeggiata appunto il 31 ottobre di ogni anno. In realtà le origini di Halloween potrebbero risalire ancora più indietro nei tempi, alla popolazione dei Celti. Conosciuta per essere la festa in cui ragni, zucche, pipistrelli, dolcetti e scherzetti imperversano, Halloween porta con sé una serie di modi tradizionali per essere celebrato.

Come si festeggia quindi la notte più spaventosa dell’anno in Italia e nel resto del mondo?

 

Halloween in Italia, le tradizioni

Il festeggiamento di Halloween è molto sentito anche in Italia. In Friuli, ad esempio, viene celebrato il Capodanno celtico con la “Fiesta Dalis Muars”: “Muars” significa proprio zucca, l’ortaggio che diventa protagonista di tutti i festeggiamenti. La zucca viene infatti intagliata e decorata con le luci all’interno, per essere poi posizionata fuori da casa per ingraziarsi gli spiriti.

In Valle d’Aosta e Piemonte invece il 31 ottobre si è soliti portare in tavola un piatto in più per i parenti defunti. Chi si ritrova per cena si reca poi in visita ai cimiteri e tutte le famiglie si riuniscono per recitare il rosario.

I festeggiamenti di Halloween in Italia si tengono anche in Sardegna: qui la celebrazione viene chiamata “Is Animeddas” o “Su Mortu Mortu”. La sera fra il 31 ottobre e il 1° novembre si è soliti organizzare cene a base di pasta. Secondo la leggenda la vecchina “Maria punta boru” passerebbe di casa in casa per bucare le pance per sfamarsi, nel caso in cui non trovi cibo per lei in tavola. I bambini invece si divertono a girare per le case del paese scegliendo, al posto della tipica domanda “dolcetto o scherzetto”, richieste come “seus benius po is animeddas” (ovvero “siamo venuti per Animeddas”), oppure “carki cosa po sas ànimas” (“qualcosa per le anime”) o ancora “peti cocone” (cioè “chiedi il pane”).

Da secoli invece in Puglia la vigilia di Ognissanti viene festeggiata con zucche decorate, in dialetto “cocce priatorje”, e davanti alle case vengono accesi falò per illuminare le strade alle anime del Purgatorio. In Calabria, in particolare a Serra San Bruno, i bambini bussano invece alle porte chiedendo “Mi lu pagate lu coccalu?”, cioè “Me lo pagate il teschio?”.

 

Come viene festeggiato Halloween nel mondo?

I festeggiamenti per Halloween avvengono anche in altri Paesi, come l’Irlanda, la Romania o le Nazioni orientali. In Irlanda il giorno di Halloween era originariamente noto come Samhain: una festa pagana in cui si celebrava la fine dell’estate e l’arrivo della notte in cui il mondo dei morti e quello dei vivi si potevano incontrare. In Irlanda vengono organizzati per l’occasione anche numerosi giochi a tema, come lo Snap-apple, ovvero il tentativo di mordere una mela “avvelenata” cercando di non farla cadere.

In Romania invece Halloween è non solo l’occasione per commemorare i defunti, ma anche per celebrare la vita del conte Dracula. Secondo la leggenda lo spirito del conte vagherebbe ancora fra i vivi alla ricerca della pace: proprio in Romania si trova lo spettrale Castello di Dracula, situato all’ombra del Monte Bucegi.

Tieng Chihe è il nome della festa che in Cina corrisponde all’anglosassone Halloween. Il ritorno dei defunti sulla terra viene facilitato da cibo, acqua e candele, mentre nei templi buddisti vengono costruite barchette di carta che galleggiano sull’acqua, per cercare di aiutare gli spiriti rimasti intrappolati nel mondo dei vivi a passare all’altro mondo. Sempre alla memoria dei defunti è dedicato l’Halloween giapponese: in questa occasione numerose lanterne vengono fatte galleggiare sul mare e per le strade si accendono fuochi sempre per cercare di aiutare le anime a tornare a casa.

 

ULTIMI ARTICOLI

ULTIMI ARTICOLI

Bonus monopattini elettrici 2020, come funziona

Che cosa prevede il bonus mobilità, chi può richiederlo e come utilizzarlo Ecco una panoramica sui nuovi…

Benvenuta Generazione Alpha!

I nati dopo il 2010 fanno parte di una generazione che abbatte gli stereotipi, attenta all’ambiente e…