Piantare alberi con un clic

Piantare alberi con un clic

È un gesto semplice e abituale: aprire il browser e iniziare a navigare in Internet. Se nella barra di ricerca si digita “Ecosia”, compare un logo costruito attorno al disegno stilizzato della Terra, da cui si dipartono dei raggi. È l’estensione scaricabile per un motore di ricerca ecologico, fondato sulla missione di piantare alberi dove ce n’è più bisogno.

Ecosia è una delle iniziative imprenditoriali digitali di maggior successo degli ultimi anni, nata e sviluppata con l’obiettivo di combattere la deforestazione. L’idea nasce nel 2009 da un viaggio intorno al mondo del fondatore, il tedesco Christian Kroll. In breve acquista notorietà e cresce fino a raggiungere nell’arco di un decennio, a giugno 2019, il record di 60 milioni di alberi piantati; questo numero è in costante aggiornamento. L’ultima novità per Ecosia è la  costruzione del proprio impianto solare per sostenere energicamente tutte le ricerche online.

Il funzionamento è molto semplice: Ecosia investe buona parte dei proventi pubblicitari in iniziative di riforestazione. Uno dei pilastri fondanti della startup, oltre alla sostenibilità, è la trasparenza. Sono quindi disponibili online i report finanziari periodici, che espongono nel dettaglio le cifre riguardanti i ricavati, la portata degli investimenti, i partner locali coinvolti e la diffusione geografica. Una fonte d’informazione interessante per comprendere la portata delle iniziative intraprese da Ecosia: dalla Nigeria al Brasile, fino all’intervento in favore degli ecosistemi distrutti dai vasti incendi in Australia.

Un caso virtuoso, ma non l’unico. Con la crescente attenzione al tema della sostenibilità e alla necessità di prendersi maggior cura del nostro pianeta, sono nate altre iniziative legate alla forestazione. L’italiana Treedom è un esempio degno di nota. Fondata nel 2010 a Firenze, ora diffusa globalmente, permette di acquistare o regalare un albero, che poi sarà piantato e curato da un contadino nella sua terra, ai quattro angoli del globo.

Dagli aranci ai baobab, fino alla mangrovia e al mango: si può scegliere l’albero preferito e poi vederlo crescere virtualmente. Inoltre, la piattaforma permette di calcolare la CO2 emessa individualmente in base al proprio stile di vita, per provare così a capire quanti alberi sono necessari per compensarla. Da un gesto semplice come un clic, possono nascere grandi cose.

 

 

 

ULTIMI ARTICOLI

ULTIMI ARTICOLI

Energia rinnovabile casalinga

Negli ultimi anni, le energie rinnovabili hanno dimostrato di essere dei validi sostituti ai combustibili…

Il futuro degli orti urbani

L’edizione 2015 dell’Esposizione Universale, ospitata a Milano, era incentrata sul tema del cibo EXPO 2015,…