Tempo libero

Maratona di Londra, l’evento sportivo più sostenibile al mondo

27 giugno, 2019

Maratona_500x329.001

Da sempre il mondo dello sport è portatore di messaggi di valore universale. Sono molti infatti gli episodi che hanno segnato svolte epocali a livello sociale, anche al di fuori dei campi di gioco.

Tra le tematiche più calde del momento storico in cui viviamo c’è la sostenibilità, soprattutto dal punto di vista ambientale. Anche in questo caso lo sport può fare da portavoce e dare l’esempio per sensibilizzare il grande pubblico.

A fare un deciso passo in avanti fra gli eventi sportivi attenti all’impatto sull’ambiente è la Maratona di Londra, che si candida a diventare il più sostenibile del mondo. Nell’edizione di quest’anno, che ha potuto contare su oltre 40.000 partecipanti, l’organizzazione ha voluto stabilire nuovi standard di sostenibilità con l’obiettivo di cambiare la concezione degli eventi di massa nel mondo.

Siamo decisi a ridurre il nostro impatto ambientale, – ha affermato Hugh Brashner, direttore della London Marathon Events, – si tratta di una sfida enorme e speriamo che le iniziative che abbiamo introdotto quest’anno possano cambiare i grandi eventi del futuro.

Al primo posto fra le iniziative più importanti messe in atto durante la Maratona, c’è la riduzione delle drink station da 26 a 19 e un totale di 215.000 bottiglie di plastica usate in meno rispetto all’edizione del 2018. Inoltre, in tre delle 19 stazioni, la plastica è stata completamente abolita: qui le classiche bottigliette sono state sostituite da bicchieri biodegradabili.

La riduzione dell’uso della plastica non è stato l’unico obiettivo di quest’anno. Fino al 2018, l’organizzazione provvedeva a stampare il pettorale con il numero identificativo per ognuno dei 50.000 iscritti alla Maratona. Circa 10.000 però non si presentavano alla linea di partenza. Per questo, nel 2019 solo quelli sicuri di poter partecipare hanno potuto richiedere il pettorale – da ritirare prima della partenza – riducendo quindi l’uso di carta. A questo proposito, le istruzioni per la gara sono state distribuite digitalmente e non più su carta: semplice ed efficace.

Fra gli sprechi più diffusi in simili eventi c’è anche quello di indumenti. Sono molti infatti gli atleti che prima della gara si liberano di felpe e giacche, indossate durante le fasi di riscaldamento e poi abbandonate lungo il percorso. Per questo l’organizzazione ha disposto la raccolta di tutti gli indumenti per il riutilizzo o il riciclo degli stessi.

La Maratona di Londra si propone quindi come modello per le manifestazioni di livello mondiale dell’immediato futuro e come fonte di ispirazione per atleti, staff, volontari e spettatori affinché tutti possano fare la differenza non solo durante l’evento, ma anche nella vita di tutti i giorni.

Condividi