Tempo libero

Wedew, il container per creare acqua a energia pulita

13 febbraio, 2019

5a_500X329

Estrarre duemila litri d’acqua al giorno dall’atmosfera in modo ecologico ed economico: una sfida impegnativa quella del Water Abundance XPRIZE, con un premio da un 1,5 milioni di dollari per chi fosse riuscito a combinare tutte le tessere del puzzle con un’invenzione innovativa e green.

Ad aggiudicarsi il premio la Skysource/Skywater Alliance, una squadra guidata dall’architetto statunitense David Hertz che con la sua inventiva ha dato vita a Wedew, un container che permette di estrarre l’acqua dall’atmosfera a impatto zero. Proprio così: il container protagonista di questa invenzione è un normale container per le spedizioni, mentre il procedimento per “creare” l’acqua è quello della nostra atmosfera. Combinando aria calda e fredda, infatti, si crea una condensa, proprio come le nuvole, che viene raccolta in un serbatoio. Wedew riesce a estrarre duemila litri di acqua potabile al giorno, un traguardo non da poco che potrebbe cambiare l’esistenza di quei Paesi che combattono ogni giorno contro la mancanza di acqua potabile. Ma non solo: questa invenzione si prospetta fondamentale anche in situazioni di emergenza, per esempio dopo una catastrofe naturale.

Un altro requisito fondamentale dell’invenzione era il suo essere a impatto zero. Il team di David Hertz è riuscito anche in questa impresa: il processo di “creazione” dell’acqua, infatti, è alimentato da un gassificatore a biomassa, che sfrutta gli scarti vegetali reperibili sul territorio (dalle noci di cocco alle sterpaglie, per esempio). Da questo processo, inoltre, si ottiene il biochar, un carbone con proprietà fertilizzanti da utilizzare nel terreno.

Non c’è da stupirsi, dunque, che sia stato il progetto della Skysource/Skywater Alliance a vincere il premio del Water Abudance XPRIZE. Un progetto, promettono i suoi inventori, dislocabile ovunque e adatto a qualsiasi tipo di territorio. Oggi Wedew è ancora un prototipo, ma il futuro dei Paesi che fronteggiano l’emergenza idrica potrebbe cambiare molto presto.

Condividi