Tempo libero

2019 e tecnologia, i trend che ci aspettano

9 gennaio, 2019
Contributor: 2cc6b45Alice Pace

Editoriale_500x329.001

Persi tra i tanti gadget che ogni anno la consumer electronicsci regala, le scoperte scientifiche, le applicazioni e gli hypeche ci bombardano, è spesso difficile tirare le somme e individuare le correnti davvero rivoluzionarie sul lungo periodo nel campo della tecnologia. Abbiamo provato a riflettere, sulla base di quello che è successo nel 2018, su quali saranno le tendenze per i mesi a venire. Senza alcuna pretesa di esaustività, ecco quelle che ci sembrano più probabili, e con maggior impatto.

Al primo posto, tutto ciò che è associato all’autonomia: automobili e altri mezzi che si guidano da soli, robot che sanno come orientarsi e come gestire terreni accidentati, droni, assistenti vocali. Non c’è scenario che non sia (o che non sarà) popolato da almeno una di queste “creature”, dalla casa ai servizi urbani, dall’agricoltura all’industria, dalla sicurezza al digitale, ciascuno col suo bagaglio più o meno evoluto di competenze. Non che questo non fosse già valido anche nel 2018, ma ci aspettiamo che nei mesi a venire la sicurezza delle diverse intelligenze artificiali, così come la loro integrazione con le attività dell’essere umano, vengano messe ancor più alla prova.

Altra dimensione dove l’attesa è tanta è l’immersività. Realtà virtuale, realtà aumentata e realtà mista hanno già alterato il modo in cui percepiamo ciò che ci circonda, e ci aspettiamo che questo avvenga sempre più spesso, anche nella vita di tutti i giorni. Si punta molto sui visori, che forse diventeranno via via più accessibili, e riguardo al campo di applicazione siamo portati a pensare che nei prossimi anni tecnologie di questo tipo entreranno a far parte dei processi industriali, o nella normale dotazione dei nostri mezzi di trasporto, per esempio.

Ma non solo. Secondo Gartner, una delle realtà da tenere  d’occhio per seguire gli investimenti in hi tech, tra i temi di punta del 2019 troveremo sicuramente i quantum computer, la blockchain (ma questo non era difficile da immaginare) e, tenetevi forti, la Augmented analytics, un termine ancora poco diffuso tra i non addetti ai lavori ma che sta a significare un approccio che muove le informazioni attraverso l’apprendimento automatico e che, secondo gli esperti, sarà sempre più presente nel mercato e nella scienza dei dati. E voi quali fronti vedete più fertili al momento? Stay tuned, noi continueremo ad aggiornarvi mese per mese.

Condividi