Viaggi

Le tradizioni dal mondo più strane per Natale

21 dicembre, 2018

3Novembre_500X329

Non solo presepe, cenoni e regali sotto l’albero: le tradizioni legate al Natale sono tantissime, ogni Paese ha le sue e spesso sono piuttosto inusuali. Eccone alcune davvero curiose.

La capra di Gävle

Nella città di Gävle, in Svezia, dal 1966 viene eretta ogni Natale una capra di paglia gigantesca (alta 13 metri) per celebrare il periodo festivo. Ma la tradizione non finisce qui: quasi ogni anno, infatti, la capra viene completamente distrutta dalle fiamme. Sembra infatti che molti non apprezzino il suo simbolo di consumismo (fu eretta per attirare più persone in centro a fare acquisti) e per questo ogni anno provano – con buoni risultati – a distruggerla.

Il “diavolo” di Natale

Alcuni paesi di lingua tedesca celebrano un Natale a tinte un po’ cupe grazie al Krampus, una sorta di diavolo spaventoso che accompagna San Nicola per punire i bambini che non si sono comportati bene. Una tradizione antica, che da centinaia di anni caratterizza il Natale di alcune zone dell’Austria, della Germania e di altri paesi vicini.

Il menù da fast-food in Giappone

In Italia quando si parla del cenone di Natale si pensa a ogni tipo di delizia, ma certamente non al fast food. Sembra invece che in Giappone la tradizione più in voga negli ultimi anni sia quella di cenare con i menù natalizi di Kentucky Fried Chicken, un fast food specializzato in pollo fritto. De gustibus!

Natale in Norvegia? Nascondete le scope!

Una bizzarra tradizione natalizia è quella norvegese di nascondere le scope la notte di Natale. Il perché è presto detto: sembra che la notte del 24 dicembre sia quella in cui spiriti malvagi e streghe cattive vadano in giro in cerca di una scopa su cui poter volare. Meglio metterle via, no?

Ragnatele sugli alberi di Natale

Se vi trovate in Ucraina per Natale, fate caso alle decorazioni sugli alberi: quasi sicuramente troverete un ragno con la sua ragnatela. È un portafortuna che trova la sua origine in una leggenda secondo cui una povera vedova, che non poteva permettersi di decorare l’albero di Natale, trovò al suo risveglio l’albero perfettamente decorato da una scintillante ragnatela. La cosa portò molta fortuna a lei e ai suoi figli, che da quel momento in poi non furono mai più poveri.

Condividi