Casa

Riscaldamenti con un occhio al Pianeta

16 novembre, 2018

Riscaldamento_500x329.001

Riscaldare la propria casa senza incappare in bollette salatissime, e soprattutto rispettando nel nostro piccolo il Pianeta: un’impresa impossibile?

Con le prime ondate di freddo è inevitabile farsi questa domanda, specialmente quando si ha la possibilità di cambiare impianti – magari durante una ristrutturazione – e la scelta vuole cadere su qualcosa di ecologico che al contempo ci permetta di risparmiare.

Per rispondere alla domanda iniziale, possiamo dire che non si tratta certamente di un’impresa impossibile: le soluzioni eco-friendly, anche se a volte hanno costi di installazione più alti dei metodi di riscaldamento tradizionali, sono quelle che sul lungo periodo ci permettono di risparmiare di più.

Ormai quasi tutti conosciamo gli impianti solari, per esempio: sfruttano dei pannelli installati sui tetti delle abitazioni per utilizzare l’energia solare e, a seconda della tipologia dell’impianto, si avrà o la conversione in energia elettrica (è il caso dei pannelli fotovoltaici) o il riscaldamento di un liquido che a sua volta fornirà calore per l’acqua dei riscaldamenti o per l’uso domestico. In entrambi i casi si tratta di soluzioni praticamente a impatto zero che consentono di risparmiare moltissimo sulla bolletta, e per le quali esistono vantaggi fiscali piuttosto convenienti (ne abbiamo parlato anche qui su IF Magazine).

L’energia dei pannelli solari o il calore da essi derivato si può sfruttare per una tipologia di riscaldamento molto conveniente: quello a pavimento (o radiante). Questo tipo di impianto, infatti, può essere ad acqua oppure elettrico e nel primo caso – sfruttando proprio l’energia solare – risulta davvero molto conveniente ed efficace: il risultato è un tepore diffuso ottenuto utilizzando pochissima energia.

Che dire infine delle stufe (o caldaie) a pellet? Utilizzando come combustibile un prodotto del tutto naturale (il pellet infatti deriva da scarti della lavorazione del legno o di prodotti di origine agroalimentare e ha un forte potere calorifico), si tratta di un impianto davvero ecologico e sicuro, i cui costi di installazione iniziali verranno ammortizzati nei mesi successivi.

Ma a monte di ogni scelta, è bene ricordarlo, è la coibentazione della casa a fare la differenza: isolarla dal freddo scegliendo anche degli infissi di qualità è il primo passo per mantenere più a lungo il calore, inquinare di meno e risparmiare di più.

Condividi