Salute

La svolta eco-friendly dei prodotti di bellezza? Dire addio all’acqua

15 novembre, 2018

2ottobre_500X329

Guardando l’INCI (ovvero l’elenco degli ingredienti) di un prodotto di bellezza, non è raro trovare come primo ingrediente l’acqua. Anzi, accade la maggior parte delle volte. Il primo ingrediente di un INCI è anche quello presente in proporzione maggiore, tanto che ci sono creme e lozioni che spesso sono composte per oltre il 70% proprio da “semplice acqua”.

Qualcosa però sta cambiando: sono sempre di più i consumatori attenti all’impatto che l’industria beauty ha sul Pianeta, e che per questo sono spinti a fare scelte di acquisto più consapevoli. Dall’altro lato troviamo le aziende produttrici, che proprio per questo stanno gradualmente cominciando a dire addio all’acqua, un bene prezioso e sempre più raro, che non merita di essere sprecato.

Colossi del settore come L’Oréal hanno promesso di ridurre, entro il 2020, oltre il 60% di acqua per prodotto finito, mentre aziende come la St. Ives – molto popolare negli Stati Uniti – stanno facendo il boom di vendite proprio con prodotti “waterless”, privi di acqua.

Dall’Oriente – patria di tendenze cosmetiche vincenti e di prodotti innovativi per la cura della pelle – arriva addirittura il trend dei cosmetici in polvere, da attivare di volta in volta con l’acqua del rubinetto, solo quando necessario. Un metodo che fa risparmiare l’acqua utilizzata nel processo produttivo, evitando anche packaging ingombranti (e inquinanti).

“Waterless”, poi, significa anche avere prodotti con meno conservanti, spesso presenti proprio per evitare la proliferazione di batteri nell’acqua. Un altro vantaggio, da non dimenticare, è la praticità in viaggio: un prodotto in polvere non ha limitazioni per quanto riguarda il trasporto in aereo, e non rischia di rovesciarsi in valigia.

Quella che al momento sembra una moda, pare essere destinata a diventare un’abitudine consolidata: negli scaffali delle profumerie troveremo sempre più prodotti privi di acqua, più concentrati e forse anche più efficaci.

Condividi