Salute

La nuova vita del fitness

12 gennaio, 2018
Contributor: Ilaria VitaIlaria Vita

FItness 500

Quanti buoni propositi abbiamo promesso a noi stessi di mantenere con l’inizio del nuovo anno?

E scommettiamo che in cima alla lista troneggiano: “Giuro di dedicare più tempo a me stesso e alle cose che mi fanno stare bene” seguito dall’immancabile “Devo fare più attività fisica”.

Non dite che non è vero perché sappiamo che è così: la promessa, spesso elusa, di fare sport è praticamente un evergreen di tutte le compilation di buoni propositi di tutti gli inizi di ogni singolo anno e allo stesso tempo, anche una delle più difficili da rispettare.

Secondo voi qual è il motivo reale? La mancanza di tempo, qualche acciacco, il lavoro o la poca volontà? Diciamo che tutte queste cause possono essere un valido freno, ma nella maggior parte dei casi, fare sport è legato a doppio filo al lusso di trovare tempo per se stessi e per stare bene, una cosa che spesso chiudiamo in un cassetto e dimentichiamo di regalarci.

Meno male che ultimamente il concetto di me time sta diventando sempre meno tabù: andare a un corso di sushi, fare una telefonata fiume con l’amica che abita a Londra, concedersi un’ora di tai-chi al parco o una sessione di pilates, sono solo alcuni dei tanti modi con cui diamo del valore aggiunto al nostro tempo libero.
L’ultima tendenza è prendersi cura di sé attraverso lo sport, vivendolo però come occasione per ritrovare se stessi attraverso un percorso di wellbeing che abbraccia la filosofia del benessere a 360° e che ci permetta di stare assieme alle persone che amiamo.

Qualche esempio?

I corsi di nuoto in cui neonati e neo-genitori trovano nell’acqua l’elemento di congiunzione e relax che permette di alleviare tensioni e di stabilire equilibrio e vicinanza nel loro nuovissimo legame.

Oppure i gruppi walking mums, veri e propri team di neomamme che inforcano passeggino e indossano scarpe comode per camminare a pieno ritmo per tutta la città assieme ai loro bimbi; un modo divertente e intelligente per rimettersi in forma, godersi un momento di condivisione ed evitare di chiudersi in casa.

Lo yoga continua a rappresentare, assieme al pilates, una delle attività più diffuse. Negli ultimi mesi l’AcroYoga ha spopolato sui social con il suo mix di saggezza e balance dello yoga, forza dinamica dell’acrobatica e grazia del volo terapeutico:  e nelle proprie possibilità, e totale fiducia nell’insegnante che lo guida.

Se invece fate parte di quella schiera di persone che non ha mai tempo di andare in palestra, al parco o che si annoia con yoga & co. sappiate che non avete più scuse per cedere alla pigrizia: esistono infatti tantissime app che vi seguono passo dopo passo in un training quotidiano che permette di tenersi in forma anche restando a casa.
Ne troverete tantissime a seconda delle vostre preferenze: da quella per il running a quella che conta i passi e vi premia per ogni obiettivo raggiunto.

Per ottenere dei buoni risultati già dopo poche settimane bastano, come ci insegna Kayla Itsines, costanza e motivazione.

Non vi resta che scegliere cosa fa per voi e mettervi in moto (è davvero il caso di dirlo!). E chissà che a fine anno, facendo la spunta dei buoni propositi mantenuti, riusciate finalmente a tracciare una bella linea sopra a quello di amarsi (e muoversi) di più.

Condividi